Etichette

bambini (206) un po' di me (157) cucito (156) Riciclo creativo (122) cucina (51) Natale (49) bijux (37) lettura (18) Collaborazioni (17) anti crisi (16) punto croce (16) informazioni (11)

COLLABORAZIONI

Sei un azienda produttrice o venditrice di tessuti e altro materiale dedicato al cucito e al mondo delle creative?
contattami! Saro ben felice di provare e recensire i Vostri prodotti

venerdì 2 marzo 2018

Quando sarà mamma non lo farò mai!

Quante volte lo avete detto o pensato?
Questa è stata una settimana tosta in tutti i sensi, la neve, il poco sonno, le discussioni con Nicholas...siamo tutti un po' nervosi, stanchi (forse) e la neve ha esasperato un po' tutto!

Ho approfittato così del mio papà che essendo a casa in pensione ha un po' di tempo libero e l'ho mandato a prendere Nic a scuola alle 16.00 così evitavo di far prendere freddo ad Alessia e tutti i disagi che ne conseguono...al loro rientro ho rimproverato Nic per delle cose che riguardano la scuola, niente di strano le mamme rimproverano spesso direte voi...e invece no perchè l'ho fatto davanti a mio papà senza preuccuparmi minimamente di quello che Nic potesse provare in quel momento...non l'ho fatto apposta...non ci ho proprio pensato...

La sera poi nel letto Nicholas mi ha detto con le lacrime agli occhi che si è vergognato molto...moltissimo e che ha fatto una brutta figura con il nonno...e se per favore io posso rimproverarlo non davanti ad altre persone...

Ed io? io ho fatto un doppio  salto indietro nel passato...ho pensato a quante volte mi sono sentita io così...quante volte ho "odiato" mia mamma perchè mi riprendeva davanti agli altri o perchè raccontava qualcosa di me agli altri senza che io le dessi il permesso...ora capisco che non lo faceva per ferirmi che spesso noi adulti a certe cose non pensiamo più...ma allora...allora per me era un macigno enorme...e sentirmi dire queste parole da mio figlio mi ha fatto capire che forse dovevo fare un passo indietro...

Così mi sono scusata per averlo ripreso di fronte ad un'altra persona e gli ho spiegato che capivo come si sentiva.

Poi però nella mia testa per tutta la notte questa domanda mi è ronzata nella testa...

Perchè diventati grandi ci dimentichiamo di queste cose? perchè la vita da adulto ci fa sembrare tutto molto più superficiale e non ci preoccupiamo più di queste cose?

Ammetto di essermi sentita una cacchina...ma confido che da oggi in poi, almeno su questo aspetto, starò molto più attenta!

Ovviamente sono stata felicissima che il mio ometto me ne abbia parlato! perchè dimostra che il lungo lavoro sul dialogo sta dando qualche piccolo frutto!

Nessun commento:

Posta un commento