Etichette

bambini (196) cucito (156) un po' di me (149) Riciclo creativo (121) cucina (51) Natale (44) bijux (37) lettura (18) Collaborazioni (17) punto croce (16) anti crisi (13) informazioni (11)

COLLABORAZIONI

Sei un azienda produttrice o venditrice di tessuti e altro materiale dedicato al cucito e al mondo delle creative?
contattami! Saro ben felice di provare e recensire i Vostri prodotti

lunedì 25 giugno 2018

Hamburgher nella friggitrice ad aria

La mia friggitrice ad aria è arrivata a casa mia più di un anno fa e ormai non ne possiamo più fare a meno. Ammetto che ero scettica all'inizio ma poi mi sono dovuta ricredere. Ci faccio davvero tantissime cose.

Ultima cosa fatta sono stati gli hamburgher! giuro che nemmeno in padella mi escono così bene. Rosolati, ben cotti ma comunque non asciutti.

I bambini se li sono divorati ed io non ho sporcato praticamente quasi nulla se non il cestello della friggitrice. Niente schizzi niente di niente.

Se volete leggere cosa avevo scritto quando era arrivata e l'avevo appena provata andate qui.


Dopo un anno di utilizzo non posso che ritenermi soddisfatta. Ha ampiamente semplificato la mia vita. 

venerdì 22 giugno 2018

Mi presti le tue scarpe?

I tempi sono cambiati. Lo ripetono tutti. Grandi titoli si leggono sulle riviste dedicate al mondo delle mamme e dei bambini che ci dicono quanto i nostri figli non sappiano più apprezzare le piccole cose. Questi piccoli mostriciattoli che vivono solo di pane e tecnologia non sanno cosa si perdono. Non sanno cosa vuole dire essere bambini. Non ne sono più capaci. Loro. Noi invece eravamo i bambini perfetti. Eravamo in grado a malapena di accendere un televisore ma sapevano vivere.

Leggo queste cazzate praticamente sempre. Mi piace leggere riviste o articoli inerenti al mio mondo di mamma ma, come è sempre capitato nella mia vita, quello che condivido si può contare sulle dita di una mano.

Non fraitendetemi sono consapevole che i bambini sono cambiati. Ma per fortuna direi! Ci vedreste bene, noi bambini modello, alle prese con tutte le tecnologie di oggi?

Io amo il progresso. Inutile negarlo. Internet e i social mi permettono di trovare idee e spunti stando seduta su un divano e di fare quello che sto facendo. Ma mi tolgono la possibilità di alzarmi ed ispirarmi guardando fuori dalla finestra? Loro no. Sono io che al massimo me ne privo.

Sono fermamente convinta che con i bambini sia la stessa cosa. Non freniamoli nel correre e stare al passo con quello che per loro è pane. Ma aiutiamoli a vedere oltre. Aiutiamoli ad assaporare quello che ci rendeva bambini "modello". Vi assicuro che i bambini hanno una flessibilità che noi anche dopo dieci corsi ce la possiamo solo immaginare.

Guardate mia figlia con cosa giocava quando ho scattato questa foto. Delle scarpe. Quelle del fratello. Correva per casa ridendo a crepapelle con le scarpe di suo fratello ai piedi.


Vi sembra tanto diversa da quei bambini che eravamo noi? A me non sembra per niente. I miei figli fanno casette con le coperte nonostante fuori abbiano una casetta in plastica. La loro immaginazione non si esaurisce se noi oltre ai loro tempi gli regaliamo un po' dei nostri.

Vorrei farvi vedere il viso dei miei figli e i loro occhi quando arrivo con qualcosa cucito e creato appositamente per loro. E vi assicuro che di giocattoli ne hanno tanti. Forse si a,vete ragione, troppi. Eppure. Eppure quel pezzo di stoffa cucito nemmeno troppo bene. Un po' storpio trova sempre un posto nel loro cuore e tra le loro manine. 

Non priviamoli del loro oggi ma viviamolo insieme a loro regalandogli un po' del nostro ieri.

Strambarisparmio: Armadio verde

Oggi voglio parlarvi di uno dei metodi che uso per risparmiare sulle spese di casa.
Vi confesso che prima di inziare sono passati diversi mesi. Vedevo sempre la pubblicità su facebook e mi chiedevo come potesse la gente trovare conveniente spedire dei propri capi e poi pagare per averne altri. Lo scambio per me è sempre stato altro. Io do una cosa a te e tu ne dai una a me.

Ho continuato  a seguire i post di Armadio verde e un giorno mi sono decisa a leggere le condizioni e a fare qualche domanda al servizio clienti.

Bene da li mi si è aperto un mondo. Prima di tutto voi potete spedire i vostri capi a loro senza spendere nulla. La prima spedizione è gratuita e poi vi assegneranno delle stelline per ogni capo. Con quelle stelline potrete pagare le prossime spedizioni. (negli scambi a distanza per esempio ognuno si paga le sue spese di spedizione quindi già qui direi che è un vantaggio).

Quando i vostri capi arrivano a loro un team li seleziona per accettare solo quelli in perfetto stato così che quando compri non ti ritrovi brutte sorprese. Se ci pensate quando scambiate a distanza (diverso è il discorso di scambiare a mano) spesso le foto ingannano e le condizioni degli articoli non sono come quelle presentate. Qui c'è qualcuno che fa questo servizio e vi garantisce che tutto quello che acquisterete sarà  pari al nuovo o addirittura nuovo con etichetta (ed io posso garantirvi che è così perchè ho già acquistato).

Una volta che i vostri capi sono stati accettati vi verranno assegnate delle stelline che potrete spendere sullo shop.

Il costo dei capi varia dai 5 ai 10 euro per il reparto donna (10 euro solo per cose davvero costose e firmate ma la maggior parte la trovate a 5 euro. Giubbini compresi) mentre per il reparto bambini va dai 3 euro ai 10 euro (anche qui la maggior parte degli articoli sono a 3 euro, alcuni a 5 di solito quelli nuovi con etichetta e a 10 euro solo le cose molto costose)

So che il primo pensiero è quello di dire: " io regalo a loro i miei vestiti e loro ci guadagnano" ma in realtà se pensate al servizio che vi viene offerto il costo è giustificato.

Amo i mercatini dell'usato dove porti le tue cose e loro dopo la vendita di consegnano i contanti. Ma spesso tante cose mi restano invendute e quindi finisce che devo riportamele a casa. Soprattutto per quanto riguarda gli abiti da donna. 

In questo caso non si aspetta che i capi vengano venduti ma solo accettati. Se poi non verranno venduti non sarà più affar vostro. 

Personalmente trovo l'inziativa davvero buona. Ho preso giubbini per me a 5 euro, giubbini per i miei figli a 3 euro. Ho comprato cose nuove con etichetta a 5 euro e prodotti di qualità. Guardate per esempio questa maglietta e questo costume nuovi con etichetta. Mi sono costati in totale 10 euro.




Se vi interessa e volete iniziare ad utilizzare il sito di Armadio Verde potete andare qui   se avete domande potete tranquillamente contattare il servizio clienti che mi ha sempre risposto in modo tempestivo e gentile.

E buono shopping!


mercoledì 20 giugno 2018

Strambariciclo: da body a camicia da notte

Buongiorno! ho davvero un sacco di progetti realizzati da mostrarvi! sono come sempre in ritardo ma spero quest'estate di riuscire a recuperare e anche a realizzarne di nuovi. Da settembre che Alessia inizia la materna sicuramente riprenderò a cucire a pieno ritmo!

Nel frattempo nella mia galleria di foto ho trovato lui: un vecchio body rotto sul fonto. La cosa bella dei body (soprattutto di quelli senza manica) è che scappano sotto ma sopra vanno bene ancora per molto tempo. Trovo quindi un peccato doverli cestinare ogni volta. Tagliare semplicemente la parte inferiore spesso crea una canotta troppo corta per restare ben ferma nelle mutandine.



mi sono quindi fermata ad osservarlo e a pensare in cosa trasformarlo...dopo qualche minuto ho deciso ed è nata lei.
Una dolcissima camicia da notte che ho realizzato aggiungendo del tessuto ricavato da una camicia di mio marito che era rimasta inutilizzata.





lunedì 18 giugno 2018

Riciclo creativo: l'armadio della piccola di casa a costo zero

Buongiorno a tutti!
le vacanze finalmente sono iniziate ed io manco da tantissimo tempo! Il tempo scorre velocemente e qui ogni volta sembra sempre che ci sia qualcosa di più urgente da fare! 
Questo 2018 è un anno all'insegna dei cambiamenti ma di questo vi parlerò bene un'altra volta.

Oggi vi volevo mostrare un altro piccolo progetto di riciclo creativo che mi ha permesso di ricavare qualche capo a costo quasi zero per la principessa di casa.

Si ha sempre bisogno di capi per la spiaggia comodi e pratici o anche solo per casa. Ecco io quest'anno invece che andare a comprarli li ho ricavati da alcuni indumenti che non utilizzavo più.

Il cuore l'ho realizzato con un piccolo avanzo di tessuto trapuntato.

Sono sicura che anche voi avete armadi pieni di cose inutilizzate e se ci pensate un attimo possono trasformarsi in deliziosi capi d'abbigliamento per le vostre principesse.





mercoledì 28 marzo 2018

Cucito creativo: piccoli segnalibri

Buongiorno!
passo di corsa per mostrarvi una cosa che ho fatto da parecchio tempo.

Mi spiace se sarò veloce e poco e esaustiva ma davvero il tempo in questo periodo non mi basta mai. Ma presto ci saranno tante nuove sorprese che spero vi piaceranno.

Leggete? no? MALE! dovete cominciare assolutamente perchè con dei segnalibri così non si può fare diversamente!

Ovviamente tutti realizzati con materiale di riciclo (avanzo di pantaloni accorciati a mia figlia)





venerdì 9 marzo 2018

Strambariciclaggio! da canotta da donna a canotta da bambina

E siccome qui vige il motto NON SI BUTTA VIA NIENTE vi faccio vedere cosa ho combinato lo scorso anno.

 (si ma con calma Laura...posta sempre le cose in tempo reale mi raccomando...)

Avevo delle canottiere mie che non indossavo più, per il semplice fatto che la mia pancia ne fuorisciva allegramante mostrandosi a tutti (scostumata) e ho quindi pensato che forse era ora di BUTTARLE! poi il mio IO quelli ricicloso, quello antispreco, quello che cozza sempre con mio marito, ma di brutto è ha cominciato:

"ma cosa fai lo butti? lo hai pagato sai? soldi, quelli veri!"
" e poi il tessuto è ancora bello non si buttano le cose belle!"

Ok penso lo posso donare a qualcuno in effetti più bisognoso di me! giusto? giusto, ecco si! lo metto qui così la prima volta che mi capita lo porto nei bidoni! 

E fu così che tre mesi dopo, dopo essere rimasto li sola soletta sta povera canotta decide che era talmente stanca che tenta il suicidio e si butta dalla scatola dove l'avevo appoggiata nella mia stanza Strambadisastro...la raccolgo...era una domenica mattina e quando non ho da seguire i 300 impegni dei miei figli di solito mi dedico a cucire! l
a guardo??!!???!!!??!!!
guardo la macchina da cucire???!????!!

E succede che la mia canottiera diventa una canottiera per Alessia taglia 3/4 anni (sono previdente io...visto quanto ci metto a pensare una cosa, a farla, e a ricordami di averla fatta ho calcolato che più o meno avrebbe avuto quell'età) casualmente avevo in casa una decorazione che ci stava proprio a pennello! e così mia cara canotta vivrai con noi ancora per un po' di tempo! auguri a te!